Savona-Nuovofilmstudio-L’ordine delle cose

| 13.02. - 14.02.2018

Presso le Officine Solimano in piazza Rebagliati, sala Nuovofilmstudio.

di Andrea Segre, con Paolo Pierobon, Giuseppe Battiston, Valentina Carnelutti Italia/Francia/Tunisia 2017, 112′

Ospite via skype a fine proiezione serale il regista Andrea Segre.

mar 13 (15.30 – 21.15)
mer 14 (18.00)

Corrado è un alto funzionario del Ministero degli Interni italiano specializzato in missioni internazionali. Il Governo lo sceglie per affrontare una delle spine nel fianco delle frontiere europee: i viaggi illegali dalla Libia verso l’Italia. La missione è molto complessa, la Libia post-Gheddafi è attraversata da profonde tensioni e mettere insieme quella realtà con gli interessi italiani ed europei sembra impossibile…
Andrea Segre prosegue il suo viaggio attraverso le condizioni esistenziali di chi migra e di chi si trova a confrontarsi con il fenomeno. Questa volta sceglie un registro più in sintonia con le sue origini da documentarista: uno stile lineare, essenziale, ma efficacissimo nello spiegare i fatti. Il protagonista, ben interpretato da Paolo Pierobon, e i suoi andirivieni con la Libia (ricostruita per lo più in Sicilia e in parte in Tunisia ), sono raccontati con credibilità: la regia rende visibile la sua crisi personale inserendo in inquadrature solitamente eleganti, alcune riprese scomposte, fatte con la macchina a mano, come per accompagnare il vacillare del protagonista e delle sue certezze. Segre cerca con onestà di non confondere il piano della politica con quello dell’accoglienza, non volendo privilegiarne uno a scapito dell’altro. La tensione che serpeggia man mano che il personaggio di Pierobon porta avanti la sua missione, conferisce a “L’ordine delle cose” il sapore del thriller. Un thriller dell’anima, conflitto interiore tra il funzionario e l’uomo.