Loano-“Sapori di Liguria”

| 17.03. - 18.03.2018

 

Loano. Sarà il Pesto Genovese il grande protagonista della terza edizione di “Sapori di Liguria”, la mostra-mercato enogastronomica organizzata dall’associazione Vecchia Loano con il patrocinio dell’assessorato a turismo, cultura e sport del Comune di Loano. La manifestazione si terrà sabato 17 e domenica 18 marzo dalle 9 alle 20 sul lungomare.

Negli stand si potranno trovare prodotti d’eccellenza tipici della nostra regione quali olio, olive, formaggi, salumi, pomodori, ortaggi, piante aromatiche, basilico, miele, aglio, alimenti sott’olio, focaccia ligure, dolci tipici. Senza dimenticare specialità savonesi quali il chinotto di Savona ed i funghi della Valbormida.

“I prodotti tipici – spiega il sindaco di Loano Luigi Pignocca – non sono soltanto delle prelibatezze con le quali stuzzicare il palato, ma rappresentano delle vere e proprie ‘bandiere’ del nostro territorio, ambasciatori enogastronomici che tengono alto il nome della Liguria in Italia e nel mondo. I produttori, veri e propri artigiani gastronomici, sono custodi di segreti che, nella maggior parte dei casi, sono ormai andati perduti a causa della produzione industriale di massa. Appuntamenti come quelli organizzati da Vecchia Loano, dunque, consentono alle nostre specialità di essere ancora di più protagoniste e offrono ai produttori una vetrina unica per far conoscere le loro produzioni ed il loro importantissimo lavoro”.

“La manifestazione – aggiunge l’assessore a turismo, cultura e sport Remo Zaccaria – ha lo scopo di valorizzare e promuovere tutti i prodotti tipici e caratteristici della nostra regione. Quest’anno, inoltre, ‘Sapori di Liguria’ si tiene nella ‘Settimana del Pesto’, la grande iniziativa con cui Regione Liguria sostiene la candidatura del pesto al mortaio quale patrimonio immateriale dell’umanità da parte dell’Unesco. Vecchia Loano ha deciso di accogliere l’invito di Regione Liguria e di arricchire l’edizione 2018 della sua mostra-mercato con una serie di momenti imperdibili per chiunque ami la tipica salsa ligure e voglia scoprirne i segreti e le caratteristiche che l’hanno resa celebre in tutto il mondo”.

A fine 2015 è stata presentata la domanda per la candidatura del Pesto Genovese quale patrimonio culturale immateriale dell’umanità. La richiesta riguarda la salvaguardia dell’antica tecnica del mortaio e del suo valore storico e sociale. Attualmente la domanda sta per essere presa in considerazione dal Comitato Interministeriale Italiano dell’Unesco perché il pesto al mortaio possa essere ammesso nella “tentative list” e quindi procedere lungo l’iter internazionale.

In vista di questo decisivo passaggio istituzionale, Regione Liguria ed altre istituzioni del territorio (Comune di Genova, Camera di Commercio di Genova, Camera di Commercio Riviere di Liguria, decine di Comuni l’Associazione Culturale Palatifini) hanno promosso una grande mobilitazione che vedrà ristoratori, titolari di gastronomie e commercianti proporre menù a base di pesto, degustazioni e vetrine a tema, “pestate” collettive in oltre 80 comuni liguri, flash mob gastronomici, fuochi d’artificio verdi e il clou del Campionato Mondiale del Pesto al Mortaio in programma sabato 17 marzo a Palazzo Ducale a Genova, che vedrà confrontarsi oltre 100 concorrenti da tutto il mondo.

L’obiettivo dell’iniziativa è promuovere la raccolta firme a cui saranno chiamati tutti i genovesi e i liguri per sostenere la richiesta di inserire la tradizione del Pesto al mortaio fra i beni immateriali dell’umanità Unesco.

Il Pesto Genovese farà bella mostra di sé per tutta la giornata di sabato 17 marzo, con la presenza di numerosi stand di aziende e realtà del territorio. Domenica 18 marzo alle 10 in Orti Maccagli i produttori loanesi daranno una dimostrazione pratica delle tecniche di preparazione della tipica salsa ligure. A seguire, a dare prova della loro abilità saranno grandi e piccini, che si cimenteranno in un piccolo “contest”. I concorrenti più “pittoreschi” saranno immortalati sul sito di “La mia Liguria”. Alle 15 è prevista un’esibizione dei Buio Pesto, testimonial del Pesto Genovese, a cui seguirà un’esibizione del corpo di ballo dell’Associazione Vecchia Loano LoaDance.

“Invitiamo tutti i nostri concittadini a partecipare a questa due giorni dedicata alla nostra salsa ligure – spiega il presidente di Vecchia Loano, Agostino Delfino – Ci rivolgiamo in particolar modo ai più piccoli, ai bambini: venite sul lungomare e provate a preparare il pesto con le vostre mani. Magari utilizzando il vecchio mortaio delle vostre nonne. Anche questo è un modo per mantenere vive e trasmettere ai più piccoli le tradizioni e le usanze tipiche del nostro territorio. Per tutti i partecipanti un bel ricordo della giornata”.